Obiettivi e strategie

Il termine greco all’origine della parola strategia significa “comando dell’esercito”, “arte militare” ed indica le linee d’azione da seguire per vincere una guerra. Per Magina lo stesso termine è pane quotidiano nel lavoro di preparazione a un evento o a un progetto di formazione esperienziale, con la differenza che le strategie che usa non servono per fare la guerra, ma ben più spesso per fare la pace.

Che si tratti di rendere il clima dell’azienda più favorevole allo scambio o di legare i clienti empaticamente alla società, Magina mette il proprio lavoro e le proprie competenze a servizio di chi voglia creare esperienze produttive e insieme piacevoli, che rafforzino o instaurino l’armonia. Anche fuori dall’arte militare infatti, il mondo del marketing lo insegna, la strategia è irrinunciabile come piano ragionato di condotta utile a conseguire gli obiettivi con i propri mezzi.

Ascolto e riconoscibilità

Primo tassello di una strategia vincente è l’ascolto attivo del cliente, non solo delle sue necessità ultime ma anche della sua situazione, della sua direzione e dei suoi gusti. Quella strategia che accompagna lo svolgimento di un progetto, quelle linee direzionali che guidano l’evoluzione da un punto di partenza a un punto di arrivo, con obiettivi prefissati, non è indifferente al cliente: il progetto si può dire realizzato con successo solo quando quella strategia si colora dei toni di colui per cui è pensata, prende un po’ del suo carattere.

Per Magina l’ascolto del cliente diventa fondamentale proprio in questa direzione. In un mondo in cui siamo costantemente sommersi di messaggi e input, l’unico modo per riconoscersi e non confondersi e infine per diventare riconoscibili è avere un’identità ferma e forte in tutte le direzioni di espressione.


Commenta